Saturday, July 13
Shadow

Caso Phonesex: sono stata violentata da mio padre

Bagikan

Come al solito nel fine settimana, tutti sembravano rilassati e non facevano alcuna attività, ma come al solito mia madre era presente all’incontro sociale e mi ha detto di occuparmi della casa.

Madre: “Adelia, voglio fare un incontro sociale tra le mie sorelle, tu occupati della casa, ok?”
Io: “Lei è la mia cara mamma, Adelia, perché non rimani a casa?”
Madre: “Oh sì, non dimenticarti di fare il caffè, papà, Adelia.”
io: okay, signora!!!, le ho risposto subito, sì
lasciando noi due, a casa ci siamo solo papà, ed io, ho preparato in cucina una tazza di caffè caldo per papà secondo le indicazioni della mia amata mamma
Io: “Sì, questo è il caffè”, ho detto mentre mescolavo il caffè.
Papà: “Grazie, mia cara bambina”, ha risposto papà, guardando leggermente il mio seno. Sono rimasta molto sorpresa, quando mio padre mi ha guardato il seno, in quel momento indossavo solo una maglietta e dei pantaloncini da spiaggia, non ho prestato attenzione a quello che è successo, poi sono entrata nella stanza. Nella stanza, avevo intenzione di contattare la mia ragazza.

io: ciao tesoro, dove sei?
fidanzata: a casa, appena sveglia, sì, ti ho sognata, sai,
io: ah, non importa, tesoro
fidanzata: he yang, sei sexy nel mio sogno, yang, “giochiamo”
Io: Andiamo tesoro, finché non c’è nessuno a casa, mio ​​padre vuole andare nel suo ricco giardino.
Fidanzata: Wow, cara opportunità, anche qui è vuoto. Non molto tempo dopo, come al solito, abbiamo voluto incanalare i nostri desideri facendo sesso a distanza via telefono, questo per soddisfare il nostro desiderio.
Io: tesoro, sto per avere dei bambini, è proprio bello, torna a casa presto, così giochiamo di nuovo alle iniezioni
Fidanzata: Lui mi ama, anch’io voglio davvero tornare a casa, ma quali sono gli impegni non ancora quando sono al telefono?

Ho toccato il mio clitoride, poco a poco, l’ho ruotato con movimenti morbidi e caratteristici immaginando che il mio ragazzo mi facesse roteare poco a poco il mio clitoride, mi sono stati tolti i vestiti dal corpo, in modo che potessi muovermi più liberamente nel giocare con il mio corpo.

“ehuem”, si è sentita una voce forte da fuori, si è scoperto che era la voce di mio padre o0ooo no, a quanto pare ho dimenticato di chiudere la porta della camera da letto, la mia posizione in quel momento era fare stile WOT con il mio cuscino preferito che violento sempre ogni notte.

padre: ehioooo… cosa stai facendo?
io: no, mi sto solo divertendo
Papà: o0ooo, mi sto divertendo, papà ti sentiva, quando hai chiamato prima, o0ooo… no, la mia faccia è diventata rossa in quel momento, il mio cuore batteva forte, nel mio cuore stavo dicendo “oh , Sto per morire”.
Papà: Va bene, tesoro, anche papà lo capisce, in più state insieme a distanza, quindi è normale che sia così.
Io: oooo, pensavo che papà fosse arrabbiato in quel momento. All’inizio la mia faccia era rossa, ora è di nuovo bianca e normale, e la mia espressione facciale si è illuminata, sono sollevata nel sentire che papà non è arrabbiato. Papà, venuto da fuori della stanza, si è subito avvicinato a me che ero nel mio letto
Papà: Dai, accompagniamo un attimo papà
io: dove sei? Mio padre mi ha trascinato con la forza nella stanza che spesso veniva usata per dormire tra padre e madre. Il mio corpo era ancora nudo mentre tenevo in mano il cellulare.
padre: tesoro, ultimamente sei molto bella, papà sembra che tua madre sia ancora giovane,
io: oh papà, ecco, fa freddo
Papà: Se fa freddo, mi riscaldi, ok?
io: non fare così papà, lo dici dopo alla mamma???!!!
Papà: “Papà lo dirà anche alla mamma, ad Adelia piace giocare a tirare, eheh,” ha risposto papà dispettoso. Quando mio padre ha detto: “Se fa freddo, lascia che te lo ricordi”, sono rimasto molto scioccato, questa era la prima volta che mio padre mi parlava invano. Sono così imbarazzato, perché questo è un dilemma da bambino?

Papà: Dai, papà, non dirlo a nessuno, mentre la casa era silenziosa, ho pensato per un attimo con timore e rassegnazione, mi dispiace, papà…
Non arrabbiarti così, tesoro…!!” Lo ha anche detto, invece di sentirsi imbarazzato per il suo trattamento.

“Papà, non puoi farlo, ti prego papà…!!”, ho supplicato, perché vedevo gli occhi di mio padre così selvaggi mentre le sue mani non smettevano di correre su tutto il mio corpo, che era solo avvolto in una coperta dalla camera di mia madre.

Ho provato ad agitarmi e correre via da mio padre e coprire il mio corpo fino all’estremità del letto. Mio padre però si avvicinò a me e si sedette proprio accanto a me.

Il suo corpo premette contro di me. Ho sempre più paura. “…Non ti dispiace vedere papà così? Andiamo, papà desidera tanto potersi godere il corpo snello e solido di Adelia…!!!!”, insisteva.

“Non parlare così. Ricordi, papà… povera mamma?” risposi cercando di rendermene conto. Non menzionare mamma adesso, papà ama davvero Adelia, gli ricorda quando tua madre era giovane non molto tempo fa, papà ha sorriso quando mi ha visto e non lo ha più proibito.

Con delicatezza e attenzione iniziò a stringere i due seni che erano facili da spremere perché non indossavo vestiti. Come donna normale, anch’io provo piacere da questa stretta. mi ricorda anche quando ho pomiciato per la prima volta con il mio amante.

Alla fine, mi lasciai andare e mi arresi alla stretta di mio padre sul mio petto. Comincio a risentire di questa situazione. Anche se nel mio cuore ero determinato a trattenermi e a fare tutto questo anche per il mio bene. Abilmente e senza che me ne accorgessi, mio ​​padre si era tolto i vestiti e aveva girato il mio corpo in modo che fosse nella posizione opposta.

La mia testa era sotto di lui mentre la sua testa era sotto di me. Siamo già alle sei e nove! Non più, sento un tocco morbido attorno al mio inguine.
Piaccia o no, non potevo fare a meno di sentire il piacere di mio padre che mi accarezzava la nuca. Oh fantastico! Urlo nel mio cuore con rimpianti. Ero arrabbiato con me stesso, soprattutto con il mio corpo che non voleva più seguire gli ordini della mia mente sana.

Il mio corpo ondeggiava al ritmo della lingua di mio padre. Le mie cosce stringevano il viso di mio padre come per coprirmi l’inguine. Ammetto che è davvero bravo a far sì che la mia lussuria superi l’abilità della mia ragazza.

Ora ho dimenticato la strategia originale. Mi sono lasciato trasportare. Voglio anche bilanciare il gioco. La mia mano stringeva forte l’asta di mio padre anche se ero timido. Ho puntato il cazzo di mio padre verso il mio viso, poi me lo sono messo in bocca, la mia bocca ha suonato vivacemente.

Alla fine, il suo tronco è stato stretto con i miei seni, che erano idolatrati dalla mia ragazza. Mentre l’asta si muoveva tra i miei seni, la mia bocca non smetteva mai di succhiarlo. Senza rendercene conto, ci accarezzammo reciprocamente le parti vitali per un quarto d’ora.

Sono sempre più convinto che mio padre faccia uso di droghe forti che mette nel caffè. perché non aveva dato alcun segno di uscire. Immediatamente, ho indirizzato la verga di mio padre nell’iyem, che soffriva davvero perché erano 6 mesi che non sentivo una verga più grande di quella del mio ragazzo.

Leggi Anche: Risolvere il problema del figlio vergine della madre, bella e sexy, della pensione

Non avevo più il controllo, a causa del piacere che faceva vibrare il mio cazzo. “Padre?” Io chiamo presa in giro.

“Che tesoro…”, rispose sorridendo vedendomi tormentato dalla mia lussuria.
“Affrettarsi…….!!!” “Paziente, caro. Cosa vuoi che faccia papà…….?”
“iiiingiiinnnn aaa…aaayahhhh…se…se seeegeeeraaaa ma…mettilo!!!”, dissi balbettando con forza
In realtà sono molto imbarazzato nel dirlo. Io, che ero stata così irremovibile nel non dargli il mio corpo, ora lo stavo implorando.
“Che cosa hai messo…!!”, chiese ancora con tono beffardo.
“Aaaaaagggkkkkhhhhh… sì… yaaaahhhh. Ja…ja…Non torturare tuo figlio!!!” “Papà non voleva torturarti, caro…!!”
“Oooooohhhhhh, Yesaaahhhh… Debo vuole infilare il cazzo di suo padre nella figa di Adelia… uugghhhh!!!” Questa volta non avevo più imbarazzo a dirlo volgarmente perché non potevo sopportare l’ondata di lussuria appassionata.
Quasi non potevo crederci quando ho sentito quelle parole uscire dalle mie stesse labbra. Alla fine, poco a poco, l’asta di mio padre si è incastrata nel mio MS.V, che era ancora stretto.
“Ooohh… oohhhh… oooouugghh Adelia, fantastica…!!!” gridò mio padre, sentendo quanto fosse bello il mio gioco. I miei fianchi si agitavano vigorosamente, macinando selvaggiamente senza fermarsi. Le mani di mio padre afferrarono entrambi i miei seni, stringendoli e torcendoli.

Ho preso qualcosa nel cassetto, cioè colkat, poi me lo sono spalmato su entrambi i seni. Poi si alzò mezzo seduto. Il suo viso era sepolto sul mio petto. Mi sono leccata tutta la superficie del petto che ho cosparso di coki-coki al cioccolato. Papà lo succhiò forte mentre spremeva il cioccolato che era ancora sporco sul mio corpo. Entrambi competiamo per darci soddisfazione a vicenda. Non sento più l’aria fredda anche se all’inizio avevo freddo. I nostri corpi hanno iniziato a sudare, facendoli aderire l’uno all’altro.

Ho lottato per muovere i fianchi. mio padre ha mosso il culo. Sentivo la spinta del suo cazzo diventare più veloce insieme al movimento dei miei fianchi che non era meno veloce. Il nostro gioco sta migliorando sempre di più.

Le lenzuola della mamma erano deformate, coperte, cuscini e cuscini erano gettati sul pavimento a causa delle nostre lotte sempre più selvagge e incontrollabili. Penso che papà stia iniziando a mostrare segni.

Sono diventato sempre più entusiasta nello spingere i miei fianchi per oscillare. Forse l’ondeggiamento dei miei fianchi farà ingelosire la mia ragazza laggiù. Non pochi secondi dopo, ho sentito lo stesso bisogno. Voglio che lo senta anche lui. Ho continuato a guidare urlando istericamente. Non mi interessa più se la mia voce verrà ascoltata là fuori. Mio padre iniziò ad avere convulsioni.

“Eerrgghh ooooo….ooooooooo…oooooouugghhhhhh!!!!” mio padre gridò a lungo. Poi tirò fuori la sua asta e la puntò vicino ai miei seni. All’improvviso uscì un liquido bianco che mi schizzò su entrambi i seni.
Ho pensato per un attimo “questo è il liquido che fa stare qui anche me con i miei due fratelli”. Finalmente il nostro gioco era finito. Mi metto i vestiti di papà.
“Fondamentalmente, quando vai al lavoro, papà ti regala una macchina, così sarai felice,” disse allora papà, “Comunque tesoro… oops, caro papà, insomma, se ho una macchina, promettimi di non raccontare a nessuno di questo incidente”, ho risposto a papà.
“Hahhaha, sei di parte,” rispose mio padre con un sorriso
“Papà, posso prendere in prestito l’auto?” Ho chiesto a mio padre “usalo lì, gioca lì così nessuno si insospettisce” mi ha risposto consegnandomi le chiavi della macchina ”
Grazie, va bene?”, dissi baciando la guancia di mio padre. Mi vestii con cura e cominciai a dirigermi verso la casa del mio amico che distava circa 3 km. Quando arrivai lì,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *