Saturday, July 13
Shadow

Una manna con l’intenzione di sbirciare e invece di fare sesso occasionale

Bagikan

Ciao, sono Sopiandi. Sono uno studente dell’ultimo semestre. Per farla breve, vivo in una pensione dove sono una ragazza. Quindi il modello della pensione è così misto…, che è quello che ho sempre desiderato. Per coincidenza, ho trovato una pensione dove la maggior parte delle ragazze erano belle e belle…

La mia pensione è al secondo piano, mi è capitato di prendere una stanza all’ultimo piano accanto ad una bella ragazza, ehehe… Una volta volevo uscire a prendere una boccata d’aria. Eh…ho visto che c’era una stanza la cui porta non era chiusa, era quella delle ragazze, di lato.

Ero curioso di vedere cosa stava succedendo nella stanza che la porta si era dimenticata di chiudere. Ho dato una sbirciatina, ho scoperto che c’era una bella vista… mentre la pensione era silenziosa e non sapevo dove andare, forse qualcuno era andato a lavorare o all’università.

Ho continuato ancora a guardare tra le porte leggermente aperte, indaffarate… la vista di una ragazza che si era appena svegliata, senza vestiti, con indosso solo reggiseno e biancheria intima, il colore del capo era un po’ trasparente, rendeva io sono dipendente dallo sbirciare all’insaputa della ragazza nella stanza HEHEHEHE….

Continuavo a guardarlo mentre era impegnato a stirare il suo corpo per svegliarsi dal sonno, pieno di fascino che mi rendeva dipendente dall’andare lì. Mentre la ragazza era ancora distesa sul letto e quindi semidesta dal sonno, le accarezzò i capelli per alzarsi dal letto.

Poi, senza dire il nome della ragazza, la vidi alzarsi subito dal letto. Avevo paura di essere quasi sorpreso a sbirciarla, ma alla fine era comunque sicuro ehehe… poi la ragazza andò dritta alla toeletta, si guardò allo specchio e guardò il suo corpo pulito, bianco e sexy, prese il pigiama che pendeva e lo indossò.

Mentre si stiracchiava e sbadigliava leggermente, la ragazza si guardò nuovamente allo specchio e guardò il suo corpo mentre si sistemava i capelli sciolti. La ragazza sembrava riflettere in modo rilassato e accarezzarsi i suoi seni bianchi e puri, che io continuavo a sbirciare con un po’ di lussuria.

Continua… continua… e continua… continuando ad accarezzarle il seno e nel tempo finché finalmente il CD nero raggiunge la sua stessa tradizione. Ho pensato, cosa aveva in mente e ho immaginato un po’, forse aveva bisogno di un po’ di spinta HEHEHE..

Il suo corpo era così pulito, bianco e liscio… che non vedevo l’ora di intrufolarmi, ma mi trattenevo nel caso ci fosse uno spettacolo che sarebbe stato mostrato di nuovo finché non ho pensato così. Il suo culo era così pulito e poi la ragazza si accovacciò, scuotendolo avanti e indietro.

I miei pensieri divennero immediatamente caotici e la mia visione divenne sempre più incontrollabile a causa della lussuria repressa. Continuava a scuoterlo mentre si accovacciava e poi a stringersi il seno. Non molto tempo dopo, circa 5 minuti, si alzò, andò al frigorifero, prese una bottiglia di latte freddo e si appoggiò allo schienale, sempre senza usare il CD, sai… .hmm…provocando la mia lussuria.

Deglutì il latte e le gocce di latte le bagnarono il seno. Stringendole i seni e accarezzandoli con gocce di latte, continua, continua, e ancora, ancora, finché il tocco arriva allo stomaco e quasi un po’ sotto, “un po’ in attesa”.

Fu solo quando mi aspettai che si scoprì che il tocco andava dritto alle sue cosce che erano così lisce e bianche con un leggero tozzo. Poiché stavo sgattaiolando e facendo un po’ di rumore perché ho aperto di più la porta della camera da letto, sono stato sorpreso dalla ragazza.

Rimasi semplicemente in silenzio vicino alla porta, senza muovermi minimamente, con il cazzo che si irrigidiva a causa dello spettacolo gratuito. E guarda caso la ragazza non ha urlato di paura perché stavo sbirciando tutto, ha solo sorriso e mi ha guardato per un attimo. Ero ancora in silenzio e… la ragazza mi ha chiamato per entrare nella sua stanza.

Per prima cosa ho pensato se volevo denunciarlo a Pa al processo Githu, ma si è scoperto, oh, si è scoperto… L’ho baciato subito e ho subito chiuso la porta della sua stanza. Guardandoci appassionatamente, per fortuna ero bello quindi alla ragazza non dispiacque continuare il bacio. Mentre la baciavo, le tenevo i fianchi e le mani della ragazza mi toccavano il viso e poi arrivavano al mio petto. Ho continuato a baciarlo mentre gli palpavo le natiche, ho sollevato il suo corpo sul letto e ho continuato a baciarlo di nuovo.

Leggi Anche: Caso Phonesex: sono stata violentata da mio padre

Gli ho strappato la bocca con le labbra e mi sono massaggiato il cazzo indurito. Abbiamo iniziato a baciarci ferocemente e la lussuria della ragazza è diventata incontrollabile mentre giaceva in grembo l’una di fronte all’altra e io le stringevo di nuovo le natiche.

La ragazza mi ha spogliato con grande passione e anch’io non volevo perdermi, le ho tolto il pigiama, e le ho tolto anche il reggiseno che le copriva i capezzoli. Le ho baciato i capezzoli che erano un po’ rossi e ho strofinato il viso contro i suoi seni che erano morbidi e bianchi, così caldi… E dopo questo la ragazza mi ha baciato ancora e io le ho stretto i seni, li ho stretti ancora e li ho stretti ancora e ho giocato con i suoi capezzoli.

I suoi gemiti divennero sempre più incontrollabili mentre strofinavo il mio cazzo contro la sua vagina. La ragazza continuò a baciarmi fino al petto e io mi abbassai i pantaloni, indossando solo la biancheria intima. Le ho stretto di nuovo il capezzolo mentre sentivo i gemiti della ragazza, sono rimasto con la ragazza e non potevo più trattenerlo.

L’ho baciata tutto il corpo con la ragazza ancora in piedi, la ragazza ha fatto a turno baciandomi appassionatamente tutto il corpo, abbassandomi i boxer con il cazzo dritto. Nell’emut… emut… poi il mio uccello si è bagnato finché non l’ho scosso un po’ e gli ho tenuto la testa.

La ragazza mi ha succhiato il cazzo con grande piacere, come se ne fosse risucchiata. Non potevo sopportarlo, gli ho chiesto subito di alzarsi e l’ho girato. Dopo essermi riscaldato abbastanza, ho messo il mio cazzo caldo nella sua vagina, sembrava che si stesse sciogliendo dentro di lei…

ERRRRGGGHH>>>…OUUUGGH…SÌ…

Abbiamo girato la scena anche stando in piedi. Ho accovacciato leggermente il suo corpo e ho rivolto il viso al muro, mentre le colpivo la vagina avanti e indietro, l’ho scossa e poi… la ragazza ha emesso un piccolo grido sommesso.

Dopo aver girato la scena in piedi per circa 5 minuti, l’ho girato di nuovo e l’ho portato dalla parte anteriore al divano della sua stanza. Ho fatto una scena porno uno di fronte all’altra, ho continuato a inserire il mio cazzo nella sua vagina, ho premuto le sue natiche avanti e indietro seguendo il ritmo del mio cazzo, mentre guardavo ancora i suoi seni che erano così belli, puliti e maturi.

Non molto tempo dopo, mi sono sdraiato sul mio corpo e la ragazza ha mosso attivamente i fianchi su e giù sulle mie ginocchia. Era così bello, con desiderio ardente ho sollevato di nuovo il suo corpo dal divano e di nuovo in posizione eretta ho girato il suo corpo e ho infilato di nuovo il mio cazzo nella sua vagina.

Ho continuato a scuoterlo avanti e indietro finché non si è bloccato fino a quando non ha emesso un piccolo strillo. Per molto tempo… per molto tempo… ho continuato a infilarmi il cazzo fino in fondo e alla fine ho eiaculato dentro. Ho messo lo sperma nella sua vagina…

JROOOOOOT….JROOOOOOOOT…JROOOOTTT…..JROOT. ….

Il corpo della ragazza giaceva inerte sentendo il mio sperma duro schizzare fuori…

Aspetta la prossima storia. .

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *