Saturday, July 13
Shadow

Scopata con un assistente docente giovane e in riunione

Bagikan

Sono un impiegato presso una banca nel campus (presso un’università). Ho avuto un’esperienza che non dimenticherò mai. Avevo scopato un’assistente didattica. Se guardi, non sono inferiore agli studenti di questo campus. Sono anche giovane e ben fatto.

Mi piace molto l’assistente didattica, mi piacciono molto le donne un po’ magre, alte, ma proporzionalmente “complete” per quanto riguarda la dimensione del seno e dei glutei. Le sue natiche non erano troppo grandi ma in linea con la vita, il suo viso sembrava giovane, ma mostrava intelligenza, ed è stata la sua intelligenza a rendermi abbastanza lussurioso da darle soddisfazione e farla afflosciare per la soddisfazione.

Ecco la storia degli adulti. A quell’ora tornavo a casa dal lavoro alle cinque del pomeriggio, lo vedevo aspettare che la pioggia diminuisse un po’ quel giorno, chiacchieravamo perché io e lui eravamo nella stessa direzione. Mi è stato offerto di venire con la sua macchina. Dentro la macchina abbiamo parlato di tutto. Sento di voler continuare a raccontare la storia.

Per farla breve, la macchina che ci ha portato era arrivata ad un incrocio dove dovevo scendere, ma fuori pioveva ancora, lui ha insistito per portarmi a casa perché la distanza era abbastanza ravvicinata. Arrivato a casa gli ho offerto di entrare, alla fine ha accettato perché aveva bisogno di prendere in prestito il bagno che poi ho scoperto serviva per cambiare i salvaslip.

Per farla breve, forse dopo che eravamo interessati a fissarci davanti al bagno dopo che lui aveva finito di andare in bagno, mi sono subito lanciata verso le sue labbra. Ho succhiato la sua bocca e le sue labbra morbide, ho annusato il suo profumo di muschio bianco, le mie mani si sono mosse per abbracciarla, lei mi ha tenuto le spalle, i bicipiti e i tricipiti. Apparentemente era anche attratto dal mio corpo atletico, perché i suoi capelli erano lunghi fino al collo, gli ho spinto indietro i capelli in modo da poter vedere dietro le sue orecchie e la nuca.

Poi ho succhiato lentamente la mia bocca sulle sue labbra, lui lo ha schiaffeggiato poi gli ho baciato il collo in fondo al collo. A quanto pare gli è davvero piaciuto. Lentamente le sue dita mi sbottonarono la camicia poi le sue mani si intromisero e mi accarezzarono il petto, sentii il cuore e il sangue pompare, mentre fuori casa pioveva e faceva freddo.

La mia mano destra ha cercato di trovare la cerniera della gonna sul retro. Dopo averlo trovato, l’ho abbassato lentamente, poi la sua mano sinistra ha tenuto la mia in segno di disapprovazione. Ma per questo motivo, mossi di nuovo le labbra per baciare di nuovo profondamente le sue labbra sottili.

Il suo respiro ruggiva e sibilava, mentre il suo seno premeva sempre più vicino al mio petto. Questa volta sono riuscito ad abbassare la cerniera della gonna, poi lei è uscita dal cerchio della gonna che era caduta a terra.

Ho baciato questa ragazza a lungo, forse quasi dai 3 ai 10 minuti, poi l’ho guardata negli occhi. Non ci fu alcuna esitazione da parte sua, poi l’ho preso in braccio e l’ho portato nella stanza, finché non ho raggiunto la stanza l’ho messo lentamente sul letto.

Intanto mi sono abbassato i pantaloni. L’ho abbracciato, gli ho baciato i capelli mentre gli toglievo la maglietta e poi la canottiera, ho visto che aveva la pelle bianchissima. Poi mi ha fatto cenno di usare un preservativo, ma non ne avevo uno, poi mi ha dato una pacca sulla guancia e mi ha tirato la guancia fino a farmi imbronciare la bocca.

“Non voglio correre rischi, bambino cattivo,” poi lasciò la stanza indossando solo la biancheria intima. Poi è tornato portando diversi preservativi, uno dei quali ha aperto mordendolo davanti a me. Poi si è seduto sulla mia coscia, mentre io ero sulla schiena.

Ha osservato la forma del mio pene che era abbastanza evidente, perché si era un po’ indurito nella biancheria intima. Giocò con l’unghia dell’indice seguendone la forma e l’accarezzò lentamente. Nel frattempo ho tirato giù un po’ il mio CD. Quindi ora il mio pene è saldamente eretto e lei ride quando lo vede.

Ha tenuto l’asta del mio pene con la mano sinistra e l’ha accarezzato lentamente. Il flusso sanguigno al mio pene è diventato sempre più teso, tanto che le vene attorno all’asta erano visibili. Poi mi ha tirato la mano per tenermi il pene mentre si metteva il preservativo con entrambe le mani.

Comprensibilmente il mio pene ha quasi lo stesso diametro di una bottiglia per bevande confezionata. Alla fine, il suo tentativo di inserire il preservativo ebbe successo e lui avanzò e si alzò in posizione semiaccovacciata. Poi ho diretto la punta inguainata del mio pene verso la sua apertura vaginale.

Non si è tolta le mutandine, ha solo alzato un po’ il fondo dei pantaloni, ma si è tolta il “proteggi-mutande” e lo ha gettato a terra. Si è abbassata un po’ in modo che la testa del mio cazzo fosse sepolta nei suoi genitali. Sembra che stesse urlando sottovoce e sibilando: “Sshh… ahkk”, sembra che i suoi muscoli femminili siano piuttosto tesi.

Si è alzato e mi ha detto di ricambiare le coccole. Le sue mani afferrarono le mie per stringerle i seni, che erano piuttosto piccoli e quando si sdraiò non erano visibili, ma mi rese ancora più lussurioso quando vidi l’espressione sul suo viso. Nel frattempo ho avvicinato il mio viso per baciarle le labbra e il collo.

La mia mano sinistra si spostò sotto le sue mutandine bianche. Ho seguito la linea delle labbra del suo cazzo verso il basso, poi verso l’alto, scivolando leggermente verso l’interno, poi leggermente verso l’alto sopra il suo buco del piacere.

Leggi anche: Una bella donna che è disposta a rinunciare alla sua verginità per conquistare il mio cuore

Ho cercato un piccolo grumo che avrei potuto toccare e spostare, mentre si muoveva, mi ha morso accidentalmente il labbro, ho tirato fuori la faccia di riflesso. Ho usato la mano che prima avevo usato per toccarle il seno per tirare le mie labbra in modo da poterle vedere con i miei occhi, “Scusa, non volevo,” ha detto.

Gli ho subito tirato giù le mutande fino ai polpacci, poi ho visto che sui suoi genitali c’erano ancora peli non troppo folti, lisci ma distribuiti uniformemente. Poi il colore rosa delle sue labbra pubiche e le natiche non sono grasse, sembra un bambino. Ho subito premuto il suo corpo, ma ho fatto attenzione a non farlo subito travolgere dal mio peso corporeo.

Ho diretto la punta del mio pene verso i suoi genitali, ma ho baciato di nuovo le sue labbra con le mie labbra leggermente sanguinanti. Mi sento un po’ salato adesso, in quel momento il mio pene non entrava ma sfregava solo contro l’esterno poi ho alzato il sedere e ho allargato le cosce.

Nel frattempo, la mia mano destra ha afferrato il cuscino e l’ha posizionato sotto la vita di Tasya (oh sì, il suo nome è Tasya) in modo che fosse leggermente sollevato. Poi ho guidato poco a poco la punta del mio pene, sentendo il calore “nel profondo”. “Aakh… shh…” siamo stati io o lui a sibilare, non ricordo. Solo quando è stato completamente inserito, ho tirato fuori di nuovo il pene, ho allargato di nuovo le cosce e ho rimesso dentro il pene con un po’ di forza.

“Ahi,” disse. L’ho tirato su per il culo e poi ho seppellito di nuovo il pene. Dopo averlo ripetuto più volte, l’ho tirato fuori un po’ e poi l’ho spinto molto in profondità finché la base o le palle dei miei testicoli non sono state premute contro il suo buco anale.

Durante questo incidente, le sue braccia mi abbracciarono forte ma sembravano indebolirsi quando sollevai la vita. Respirare a vicenda è avvenuto come una battaglia per l’ossigeno, tanto che pochi minuti dopo non sono riuscito a trattenere la pressione dall’interno e ho lasciato andare tutto.

Il mio respiro era ansimante, intermittente, non molto tempo dopo ho sentito una forte sensazione di repulsione e pressione dall’interno della vagina di Tasya. Sentivo sudore freddo sul mio corpo e convulsioni e altre espressioni che non ricordavo e non vedevo perché mi trattenevo accompagnavano Tasya.

“Ooohh… shh”, poi mi abbracciò forte, anche se sentiva una forte pressione dall’interno, non riusciva ancora a far uscire il mio pene, invece ho premuto più forte che potevo dentro. Poi non mi sentivo come se mi stessi addormentando finché finalmente non mi ha spostato per spostarmi da sopra di lui.

Il mio cazzo si sollevò e si posò sulla sua coscia. Gli ho dato il segnale di togliersi il preservativo, poi lo ha fatto. Ho tenuto il mio pene e l’ho mosso, “Non osi???” Ho chiesto. Non appena ha preso in mano il pene, se lo è messo sulle labbra e lo ha leccato una volta, poi ha vomitato sul pavimento. “Dizzy ah…” sì, poiché avevo lavorato tutto il giorno, ho avuto anche il tempo di sentire le lucciole, dopo aver raggiunto l’orgasmo.

In breve, abbiamo continuato questa relazione fino ad ora ed entrambi abbiamo raggiunto l’apice dell’altro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *